Tibet

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Tibet

Messaggio  Urgulanilla il Dom Mar 30, 2008 4:38 pm

Ciai
Riporto qui questo scritto.
(diviso in due perché non ci sta tutto..)

Fonte: http://iomangiovegetariano.myblog.it




Che cosa sta succedendo in Tibet?


Dov'è il Tibet?



Il Tibet è da sempre conosciuto come il Tetto del Mondo a causa della natura del suo territorio, in cui si trovano le montagne più alte del mondo, con ben 14 cime che si ergono al di sopra degli 8.000 mt tra cui il celebre Monte Everest, (alto ben 8.848 mt.)

I suoi confini sono a nord con le regioni dello Xinjiang e del Qinghai, a est con quelle di Sichuan e Yunnan (tutte regioni cinesi), a sud con la Birmania, il Bhutan, il Nepal e l’India, con cui il Tibet confina anche ad ovest. Dalle sue cime nascono inoltre alcuni dei più importanti fiumi asiatici, come il Fiume Nu, il Fiume dalla Sabbia Gialla e il Fiume Lancang.
Il Tibet, attualmente, fa parte della Repubblica Popolare Cinese: rappresenta 1/3 del territorio dell’intera Cina ma i suoi abitanti originari (i tibetani) corrispondono solo allo 0,5% della popolazione Cinese.

Il Tibet è uno stato autonomo?
Il Tibet, nazione indipendente con una storia che risale al 127 a.C., è stato invaso nel 1949 dalla Repubblica Popolare Cinese. L'invasione e l'occupazione sono state un atto di aggressione e una palese violazione delle leggi internazionali.

Chi sono i tibetani?



Chiunque abbia una conoscenza diretta dei tibetani e della loro lingua può comprendere l’assoluta peculiarità della cultura di questo popolo. Tale peculiarità può essere evidenziata prendendo in esame gli elementi fondamentali che la caratterizzano e che ne definiscono il concetto fornendo una risposta alla domanda: cosa si intende per “cultura nazionale”? La possibilità che tibetani e cinesi possano avere un’identità comune è assolutamente remota.

Non condividono, infatti, un territorio, una lingua, una legge, il senso della storia o una letteratura, hanno avuto un’irrilevante comunanza di credo religioso e appartengono a razze diverse I tibetani affermano che il Tibet è una nazione a sé stante con una sua peculiare identità culturale. I cinesi sostengono invece che i tibetani sono membri di una minoranza all’interno della nazione cinese (talvolta definita “una famiglia di nazioni”), con caratteristiche locali nel contesto di una cultura comune.

I tibetani sono un popolo unico sul pianeta perché la loro identità nazionale è imperniata sul buddismo. Per il popolo del Tibet il Dharma (la Dottrina) è tutto. Nell’arco di oltre mille anni, a partire dal re Songtsen Gampo (inizi del VII° secolo) fino al regno del V° Dalai Lama (il “Grande Quinto”, inizi del XVII° secolo), la cultura tibetana ha subito un laborioso processo di trasformazione: da etnocentrica, guerriera e imperialista è diventata universale, spirituale e buddista. Per più di trecento anni i tibetani, per propria scelta, non hanno avuto un esercito. Hanno volutamente posposto la crescita materiale a quella spirituale. Per secoli hanno utilizzato le risorse finanziarie principalmente per mantenere i monasteri e consentire ai monaci e alle suore di studiare. Non hanno considerato la ruota solo come un mezzo di trasporto ma come uno strumento per generare la preghiera, l’energia sacra del mantra “OM MANI PADME HUM”. I loro governanti, dopo aver trionfato su dinastie sanguinarie, provenivano da lignaggi spirituali di saggezza e compassione.

E’ una cultura di valore inestimabile, che fa da contrappunto alla nostra, perché proiettata verso l’interiorità allo stesso modo in cui noi diamo invece peso alle cose esteriori. Potrebbe fornirci preziose indicazioni per aiutarci a ristabilire l’equilibrio del pianeta e a restituire un equilibrio spirituale a quanti sono stati follemente travolti dall’eccessivo materialismo. E’ una questione di vita o di morte, è la nostra stessa vita o morte. E’ una cultura che vive in clandestinità in patria e in libertà solamente in esilio. E’ nostro dovere proteggerla, nutrirla ed aspettare pazientemente che le persone interessate ne riscoprano il prezioso valore e sentano l’esigenza di farne tesoro.

Chi è Sua Santità il Dalai Lama?



Sua Santità Tenzin Gyatso, 14° Dalai Lama del Tibet, è il capo temporale e spirituale del popolo tibetano.
Nato con il nome di Lhamo Dhondrub il 6 luglio 1935 in un piccolo villaggio chiamato Taktser, nel nordest del Tibet, da una famiglia di contadini, all’età di due anni fu riconosciuto come la reincarnazione del suo predecessore, il 13° Dalai Lama e, secondo la tradizione buddista tibetana, come reincarnazione di Avalokitesvara, il Buddha della Compassione che scelse di tornare sulla terra per servire la gente.
I suoi tentativi di soluzione pacifica del conflitto Sino-Tibetano furono vanificati dalla spietata politica perseguita da Pechino nel Tibet Orientale, politica che scatenò la sollevazione popolare e la resistenza. La protesta si diffuse nelle altre regioni del paese.

Il 10 marzo 1959 nella capitale, Lhasa, esplose la più grande dimostrazione della storia tibetana: il popolo chiese alla Cina di lasciare il Tibet e riaffermò l’indipendenza del paese. La sollevazione nazionale tibetana fu brutalmente repressa dall’esercito cinese. Il Dalai Lama fuggì in India dove ottenne asilo politico. Circa 80.000 tibetani lo seguirono e, attualmente, i profughi in India sono più di 120.000. Dal 1960, il Dalai Lama risiede a Dharamsala, una cittadina situata nello stato indiano dell’Himachal Pradesh, conosciuta anche come “la piccola Lhasa” e sede del Governo Tibetano in esilio.

Sin dalla sua prima visita in Occidente, all’inizio del 1973, numerose università ed istituzioni occidentali hanno conferito al Dalai Lama Premi per la Pace e Lauree ad Honorem, in segno di riconoscimento per gli approfonditi testi sulla filosofia buddista e per il ruolo svolto nella soluzione dei conflitti internazionali, nella questione dei diritti umani e in quella, a carattere globale, dei problemi ambientali.

Come e quando è avvenuta l’invasione cinese?



Nel 1950 la Repubblica Popolare Cinese invase il Tibet.
L’invasione e l’occupazione del Tibet costituirono un inequivocabile atto di aggressione e violazione della legge internazionale.
Secondo stime attendibili alla fine del 1957 circa centomila guerriglieri combattevano per la libertà del Tibet, ma la disparità delle forze in campo non lasciava alcuna possibilità di successo alla pur eroica resistenza tibetana.

Infatti i cinesi potevano contare su di un esercito armato di tutto punto, organizzato secondo una ferrea disciplina, perfettamente addestrato e che contava quattordici divisioni per un totale di oltre centocinquantamila uomini. Durante tutto il 1957 e il 1958 alle incursione della guerriglia Pechino rispose colpendo indiscriminatamente la popolazione civile, bombardando villaggi, uccidendo monaci, distruggendo monasteri e passando per le armi tutti coloro che, a torto o a ragione, erano accusati di aver aiutato i partigiani. La potente macchina bellica maoista fu responsabile in quegli anni, come appurarono in seguito due dettagliati rapporti della Commissione Internazionale dei Giuristi (3), di un vero e proprio genocidio.

Il Dalai Lama, capo politico e spirituale del Tibet, tentò una pacifica convivenza con i cinesi, ma le mire colonialiste della Cina diventarono sempre più evidenti. La sistematica politica di sinizzazione e sottomissione del popolo tibetano segnò l’inizio della repressione cinese cui si contrappose l’insorgere della resistenza popolare. Il 10 Marzo 1959 il risentimento dei tibetani sfociò in un’aperta rivolta nazionale. L’Esercito di Liberazione Popolare stroncò l’insurrezione con estrema brutalità uccidendo, tra il marzo e l’ottobre di quell’anno, nel solo Tibet centrale, più di 87.000 civili. Il Dalai Lama, seguito da circa 100.000 tibetani, fu costretto a fuggire dal Tibet e chiese asilo politico in India dove fu costituito un governo tibetano in esilio fondato su principi democratici. Attualmente, il numero dei rifugiati supera le 135.000 unità e l’afflusso dei profughi che lasciano il paese per sfuggire alle persecuzioni cinesi non conosce sosta.

Che cosa ha provocato l’occupazione cinese del Tibet in tutti questi anni?



Oggi il Tibet è oppresso da un'occupazione illegale e repressiva.
Un milione e duecentomila tibetani, un quinto della popolazione, sono morti come risultato dell'occupazione cinese. Migliaia di prigionieri religiosi e politici vengono detenuti in campi di lavoro forzato, dove la tortura è pratica comune.

Uno degli aspetti più penosi della dominazione cinese è stato il "Thamzing" o "seduta di rieducazione", durante la quale i tibetani erano costretti ad auto accusarsi di crimini non commessi e ad autodegradarsi. I bambini erano sovente obbligati ad accusare i genitori di aver compiuto questo o quel crimine e a colpirli con sassi. Molti genitori, a loro volta, hanno assistito all'esecuzione dei loro figli, sono stati costretti a pagare i proiettili usati per ucciderli e a ringraziare i cinesi per aver eliminato "elementi antisociali".

Le donne tibetane sono soggette tuttora a sterilizzazioni forzate e a procurati aborti: occorre che i cinesi in Tibet siano sempre più numerosi e i tibetani sempre meno. Spesso vengono sterilizzate in condizioni spaventose tutte le donne in età fertile di un paese: radunate a forza davanti ad una tenda montata allo scopo, sono costrette ad attendere il loro turno ascoltando le urla delle donne operate all'interno.

Manca totalmente qualsiasi forma di anestesia. Altissima è la percentuale delle donne morte per infezione, poiché vengono obbligate ad abortire anche donne gravide di cinque o sei mesi. Le donne tibetane si rifiutano di partorire negli ospedali perché in molti casi il bimbo viene loro sottratto e considerato "morto durante il parto".

Inoltre il Tibet, un tempo pacifico stato cuscinetto tra l'India e la Cina, è stato trasformato in una vasta base militare che ospita buona parte della forza missilistica nucleare cinese, valutata complessivamente in 350 testate nucleari. Esistono, ormai, in Tibet numerose miniere di uranio dove la manodopera è tutta tibetana; parecchie persone vivono nei villaggi vicini alle basi atomiche, ai luoghi d'interramento delle scorie nucleari e alle miniere di uranio, sono gravemente malate, mentre continuano a nascere bambini deformi, i campi non danno più colture, gli animali muoiono e le acque dei fiumi che attraversano vasti territori dell'Asia, quali il Brahmaputra, sono contaminate da materiale radioattivo.

Tutto il subcontinente indiano rischia la contaminazione. Le risorse naturali del Tibet e la sua fragile ecologia stanno per essere irrimediabilmente distrutte. Gli animali selvatici sono stati sterminati, le foreste abbattute, il terreno impoverito ed eroso. Le immense foreste delle regioni orientali del Kham e dell'Amdo, intatte sino alla metà di questo secolo, grazie ad una sorta di ecologismo naturale proprio del Buddismo, sono ormai ridotte a spelacchiate macchie circondate da un vero e proprio deserto. La deforestazione del Tibet procede senza sosta dal 1963.

Più di 6000 monasteri, templi ed edifici storici sono stati razziati e rasi al suolo, le loro antiche opere d'arte e i tesori della letteratura sono stati distrutti o venduti dai cinesi. Migliaia di statue d'oro di valore inestimabile sono state fuse, trasformate in lingotti e trasportate a Pechino. La Cina proibisce in Tibet l'insegnamento e lo studio del Buddismo, l'odierna apparenza in libertà religiosa è stata inaugurata unicamente per fini di propaganda e turismo. Finti monaci prezzolati popolano finti monasteri, mentre i monaci e le monache vengono espulsi, maltrattati ed imprigionati. Oppressione ed atrocità regolano la vita dei tibetani rimasti in Tibet la cui esistenza si svolge come in un incubo senza fine.

Nonostante la rigida chiusura del Governo di Pechino che si ostina a negare l'esistenza di una "questione tibetana", dal 1959 ad oggi il Dalai Lama ha formulato diverse proposte politiche per sbloccare la situazione ed avviare un serio negoziato. Il progetto più articolato è costituito dal Piano di Pace in Cinque Punti presentato dal Dalai Lama nel 1987, documento in cui si chiede che l'intero territorio del Tibet venga dichiarato "zona di pace" e smilitarizzato; che cessi la politica di massiccia immigrazione dei coloni cinesi, la quale sta riducendo i tibetani ad una minoranza nel loro stesso paese; che siano garantite agli abitanti le libertà democratiche e i diritti civili; che cessi lo sfruttamento selvaggio e sistematico dell'ecosistema tibetano e che inizino al più presto serie e concrete trattative tra le autorità della Repubblica Popolare Cinese ed il Governo Tibetano in esilio, per ritrovare una soluzione pacifica e democratica al dramma del Tibet. A tutt'oggi il governo di Pechino non ha dato risposta.

Urgulanilla

Numero di messaggi : 51
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  Urgulanilla il Dom Mar 30, 2008 4:39 pm

Che cosa sta succedendo in questi giorni?



4 gennaio 2008
Cinque organizzazioni tibetane hanno annunciato a New Delhi la costituzione del Tibetan People’s Uprising Movement, il Movimento di Insurrezione del Popolo Tibetano, finalizzato al coordinamento di comuni azioni di resistenza a partire dai prossimi mesi, vigilia delle Olimpiadi di Pechino 2008. Le cinque organizzazioni sono, nell’ordine, il Tibetan Youth Congress, la Tibetan Women’s Association, il Movimento Gu Chu Sum, il Partito Nazionale Democratico del Tibet e il gruppo Studenti per il Tibet Libero, India.

Gli organizzatori hanno annunciato che la prima, spettacolare azione del Movimento di Insurrezione del Popolo Tibetano avrà luogo il prossimo 10 marzo 2008, 49° anniversario della pacifica rivolta di Lhasa contro l’occupazione cinese, con una marcia pacifica che, partendo da Dharamsala, dovrebbe raggiungere Lhasa, la capitale del Tibet. Tsewang Rigzin, Presidente del Tibetan Youth Congress, nel corso di una conferenza stampa, a New Delhi, ha affermato che “la marcia verso il Tibet è un’iniziativa dei tibetani in esilio per rafforzare resistenza e portare la lotta dentro casa”. Ha inoltre invitato i tibetani in tutto il mondo a scendere in piazza e manifestare, senza ricorrere alla violenza, ovunque la Cina faccia transitare la fiaccola olimpica.

Lhasa, 10-11 Marzo 2008
Il giorno 10 marzo centinaia di monaci del monastero di Drepung, distante una decina di chilometri dal centro della capitale, hanno cercato di raggiungere Lhasa. Ingenti forze di polizia hanno pattugliato l’intera area attorno al monastero e posto i monaci sotto stretta sorveglianza. In città, reparti armati di polizia, temendo il congiungimento dei monaci con i cittadini, si sono dispiegati all’interno dell’area del Barkhor impedendo la libera circolazione dei tibetani. Si ha notizia dell’arresto di quattordici monaci e di almeno due laici.

Il giorno successivo, 11 marzo, attorno alle 3 del pomeriggio, centinaia di monaci del monastero di Sera (tra 400 e 500 religiosi) si sono radunati nel cortile dell’istituto monastico inneggiando alla libertà e all’indipendenza del Tibet. Hanno cercato quindi i raggiungere Lhasa per protestare contro gli arbitrari arresti avvenuti il giorno precedente e per chiedere la liberazione delle persone imprigionate nell’ottobre 2007, in occasione delle manifestazioni seguite al conferimento al Dalai Lama della medaglia d’oro del Congresso americano. Nei pressi della locale stazione di polizia sono stati fermati da almeno un migliaio di poliziotti appartenenti alle forze di pubblica sicurezza che, per disperdere la folla, hanno fatto ricorso al lancio di gas lacrimogeni.

Testimoni oculari hanno riferito che almeno undici manifestanti sono stati brutalmente percossi. Fonti attendibili hanno reso noto che alcuni colpi d’arma da fuoco sono stati uditi attorno al monastero di Drepung. Tutte le strade di accesso al monastero sono bloccate e la polizia ispeziona le abitazioni private dei tibetani alla ricerca di eventuali monaci o monache che abbiano cercato di ottenere riparo. In tutta Lhasa si registra una situazione di forte tensione.

Lhasa, 14 Marzo 2008
Un’imponente serie di manifestazioni sono in corso a Lhasa, nelle aree del Barkor e del Trombe Khang, e in altre regioni del Tibet. Testimoni oculari riferiscono che nella capitale tibetana sono in atto violenti scontri con la polizia, che hanno causato diversi feriti e, secondo alcune fonti, la morte di una ragazza di sedici anni. Diversi negozi e automobili sono in fiamme. Si tratta della sollevazione popolare più importante e significativa dalla fine degli anni ’80. Le forze di polizia hanno limitato la libera circolazione dei tibetani e si teme che possa essere imposto il coprifuoco nel volgere di breve tempo. Imponenti manifestazioni di protesta anche a Labrang (Amdo) dove almeno 500 monaci si sono uniti ai laici e hanno raggiunto il palazzo sede del governo inneggiando alla libertà del Tibet e al ritorno del Dalai Lama. Manifestazioni nelle strade della Contea di Sangchu, nella provincia di Gansu.

In una dichiarazione rilasciata a Dharamsala, il Dalai Lama ha chiesto alla Cina di rinunciare all’uso della forza. Nella stessa dichiarazione il Dalai Lama ha affermato di essere “profondamente preoccupato” per la situazione in Tibet.

"Sono profondamente preoccupato della situazione che si sta verificando in Tibet a seguito delle proteste pacifiche degli ultimi giorni in molte aree, inclusa Lhasa. Queste proteste sono la manifestazione del profondo risentimento della gente del Tibet sotto l’attuale governo. Come io ho sempre detto, l’unita’ e la stabilita’ sotto la violenza bruta costituiscono al massimo una soluzione temporanea. E’ irrealistico aspettarsi unita’ e stabilita’ sotto un simile governo e questo non contribuira’ a trovare una soluzione pacifica e durevole. Dunque io faccio appello alle autorita’ cinesi, affinche’ smettano di usare la forza e indirizzino il risentimento covato a lungo dal popolo tibetano verso il dialogo col popolo tibetano stesso. Allo stesso tempo esorto i miei compagni tibetani a non fare ricorso alla violenza"

Lhasa, 15 Marzo 2008
Pechino ha risposto con la forza alle proteste dei tibetani. A fronte delle notizie diffuse dalla televisione di stato cinese che ha dato notizia di “dieci morti e molti feriti”, il Centro Tibetano per i Diritti Umani e la Democrazia afferma che i morti sarebbero almeno cento, trecento secondo altre fonti.
Raggiunta telefonicamente, una tibetana residente a Lhasa, ha così dichiarato tra le lacrime: “La situazione è terribile. Molte persone sono state uccise. I cinesi hanno sparato a vista, indiscriminatamente, e pile di corpi giacciono nelle vicinanze dello Tsuglakhan, il tempio principale di Lhasa. Molti i tibetani fatti prigionieri e picchiati. I tibetani sono costretti a colpire i propri connazionali, anche se si rifiutano di farlo. Tutti i viaggi sono stati sospesi. Chiediamo il vostro aiuto”.

Oggi la città è pattugliata da migliaia di poliziotti e percorsa da mezzi blindati. I monasteri sono circondati. Il governo locale ha intimato ai manifestanti di arrendersi e cessare ogni manifestazione entro lunedì. La televisione di stato oscura, dopo pochi secondi, tutti i notiziari sulla rivolta in corso trasmessi dalle più importanti televisioni straniere e insiste nel diffondere solo le immagini dell’assalto dei tibetani a negozi, edifici pubblici ed auto cinesi.
La rivolta dei tibetani prosegue a Labrang (provincia del Gansu), con rinnovata intensità e fitto lancio di gas lacrimogeni. Il Centro Tibetano per i Diritti Umani e la Democrazia da notizia di manifestazioni in corso anche in Kham e in Amdo.

Lhasa, 17 Marzo 2008
Le scarne notizie che giungono dalla capitale tibetana raccontano di una città spettrale, strettamente pattugliata da ingenti forze militari e di polizia (circa 20.000 uomini, secondo alcune fonti). Blindati percorrono le strade semideserte che mostrano i segni dell’esplosione della rabbia dei tibetani dopo quasi sei decenni di brutale repressione cinese. Mentre stanno per scadere i termini dell’ultimatum di resa incondizionata emesso il 15 marzo dalle autorità della cosiddetta Regione Autonoma Tibetana, si apprende di nuove manifestazioni spontanee avvenute o in corso in diverse aree del Tibet.

Lunedì 17 marzo, nella contea di Machu (Prefettura di Gannan, nel Gansu), una folla di 300 – 400 persone recanti grandi fotografie del Dalai Lama, si è diretta contro gli edifici governativi appiccando il fuoco a negozi ed uffici cinesi. Un centinaio di studenti della Marthang Nationality Middle School (Prefettura di Ngaba – Provincia del Sichuan) hanno inscenato una manifestazione di protesta all’interno del campus della scuola e chiesto a gran voce il ritorno del Dalai Lama. Si ha notizia dell’arresto di una quarantina di dimostranti.

Il 16 marzo, circa 500 studenti tibetani dell’Università di Lanzhou (la capitale della provincia del Gansu), hanno dato vita ad una pacifica dimostrazione all’interno dell’istituto scolastico. Analoghe manifestazioni di protesta sono avvenute non lontano da Lhasa, presso il monastero di Gaden Choekor ed in altre località della Regione Autonoma. Dal 15 marzo, a Lhasa, la polizia cinese esegue rastrellamenti casa per casa. Si è appreso dell’arresto di centinaia di tibetani, compresi tutti gli ex prigionieri politici.

Il 16 marzo, a Dharamsala, nel corso di una conferenza stampa, il Dalai Lama ha denunciato il genocidio culturale in atto all’interno del Tibet ed ha dichiarato di temere che la politica di repressione attuata dal governo di Pechino si possa tradurre in un nuovo bagno di sangue. Pur ribadendo di non essere contrario allo svolgimento dei Giochi Olimpici a Pechino, ha fatto sapere che non chiederà ai suoi connazionali di arrendersi alle autorità cinesi.

Che cosa posso fare io?



Se hai letto fino a questo punto, già hai compiuto un passo avanti nella tua ricerca personale per un informazione più libera. Molto probabilmente quello che hai letto non ti è piaciuto ed è nato in te il desiderio di fare qualcosa di più concreto per il popolo tibetano.
Non ti resta quindi che:
divulgare le notizie!

Qualche idea? Potresti:

- divulgare la notizia.
Dai telegiornali non si riesce a evincere appieno la complessità e la drammaticità della odierna situazione in cui versa il popolo tibetano:

divulga quindi questo articolo, oppure, spiega tu cosa sta succedendo a quante più persone conosci; oppure ancora, se hai un blog, dedica un tuo post alla questione tibetana;

- firmare la petizione internazionale a favore del Tibet.
"Avaaz - Raccolta di 1 Milione di firme on-line a sostegno del Tibet e del Dalai Lama, che Avaaz farà avere al presidente cinese."
L'indirizzo è: www.avaaz.org/en/tibet_end_the_violence/7.php

- farti socio dell’associazione Italia-Tibet (vedi la bibliografia) che da anni propugna eventi e manifestazioni per sostenere e far conoscere la questione tibetana;

- unirti ad Amnesty International per cercare di far liberare dalle carceri cinesi tutti i prigionieri politici tibetani (Vuoi sapere chi è il più piccolo prigioniero politico del mondo? Clicca qui:
www.italiatibet.org/history/dirittiumani/prigionieri/panchenlama.htm ;

- decidere di unirti alle varie manifestazioni spontanee che stanno sorgendo in questi giorni, in varie città d’Italia, per solidarietà con il popolo Tibetano (per sapere come aderire, clicca qui
www.italiatibet.org/ait/eventi/2008/17marzo08.htm ;

- scrivere direttamente all’ambasciatore Cinese in Italia (Mr. Dong Jinyi, indirizzo e-mail:
chinaemb_it@mfa.gov.cn , fax 06-8413467);

- unisciti anche tu come volontario alla Marcia, oppure, semplicemente, sostieni i marciatori. Puoi farlo iscrivendoti a:
http://tibetanuprising.org ;

- infine, se sei un praticante del Dharma: sappi che è stato chiesto a tutti i Buddhisti di recitare quanto più possibile il mantra di Cenresig (Om mani Padme Hum), la richiesta è partita dai monaci stessi che stanno marciando verso il Tibet e da alcuni Geshe di Sera.
Tuttavia, di qualunque religione tu sia, potresti sempre dedicare una preghiera per augurare una pacifica risoluzione per questa triste situazione.

Ricorda solo che, qualsiasi azione tu decida di intraprendere, di rispettare i principi della non violenza.


***

(Da questi siti ho tratto informazioni e foto per potere scrivere questo articolo)

www.italiatibet.org : sito dell’Associazione Italia – Tibet, il principale riferimento per noi italiani sulla questione tibetana;

www.giotibet.com : sito nato appositamente per seguire le vicende sulla lunga marcia dei Tibetani verso il confine tra Tibet e India, obiettivo: Lhasa. Troverete qui tutte le ultime notizie sulle manifestazioni/rivolte/repressioni/aggressioni di questi giorni, il sito viene aggiornato minuto per minuto;

www.tibetanuprising.org : (in inglese) sito ufficiale del neo costituito “Movimento di Insurrezione del Popolo Tibetano” che coordina la marcia;

www.tibet.net : (in inglese) sito ufficiale del Governo Tibetano in esilio (sede ufficiale di Dharamsala);

www.padmanet.com : sito Buddhista che raccoglie tutti i centri di Buddhismo Tibetano in Italia, contiene anche informazioni sul Tibet;

www.casadeltibet.it/index.htm : sito sul Centro Culturale Internazionale “Casa del Tibet” che a Votigno di Canossa ha portato a nuova vita un borgo abbandonato, ricreando un Tibet in miniatura in Italia.

Film (mi limito a segnalare solo i più famosi):

- “Sette anni in Tibet”, con Brad Pitt, regia di Jean-Jacques Annaud ;
- “Kundun”, regia di M. Scorzese ;
- “Il piccolo Buddha” , regia di Bertolucci .

*********
Fonte: http://iomangiovegetariano.myblog.it


Ultima modifica di Kai il Lun Mar 31, 2008 12:46 pm, modificato 1 volta

Urgulanilla

Numero di messaggi : 51
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  Ste il Lun Mar 31, 2008 11:17 am

Grazie kai!

Tra l'altro proprio ieri ho ricevuto la mail della petizione che dice che in 7 giorni sono state raggiunte già un milione di firme...per "esagerare" mirano a raccoglierne un altro milione nei prossimi 4 giorni.


(dovresti togliere o allontanare i punti e virguli dove sono attaccati ai link se no non vanno!)

Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  fox il Lun Mar 31, 2008 3:29 pm

O_________O
ehstafava, peggio di quel che pensassi...
grazie kai per l'articolazzo!

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  Ste il Mar Apr 08, 2008 12:17 pm

Ricordiamoci di ricordare che in tibet nasce gran parte dell'acqua dell'asia, si dice spesso che le guerre del futuro riguarderanno le risorse idriche.
Quindi oltre al fatto che il tibet è in posizione militare strategica,
bisogna considerare che chi ha in mano quella regione ha in mano l'acqua. Chi ha in mano l'acqua ha in mano la vita.
Giusto per far presente il fatto, pare che gli stati uniti stiano comprando la maggior parte delle aziende che ricavano e "producono" acqua in Italia. le più grandi e le più piccole. (conosco una persona che lavora in una di esse)

Inoltre vorrei ricordare che anche se a voi ormai sembrerà normale, il commercio dell'acqua è assurdo, infatti l'acqua dovrebbe essere di tutti, e invece molte aziende la sottraggono alle valli montane, per metterla in commercio, cioè far pagare una cosa che sarebbe gratis.Inoltre spesso negli stessi paesi dove si sottrae acqua per venderla ci sono problemi di siccità poi per gli abitanti! Che in compenso vedono uscire dagli stabilimenti ogni giorno camion pieni di bottiglie d'acqua.

Ricordo inoltre che la maggior parte delle acque degli acquedotti urbani sono potabili, e per quanto contengano più o meno cloro, sono controllate spessissimo (ho le conferme di un chimico che ne ha avuto esperienza). Al contrario le acque in bottiglia non sono controllate così spesso e se sono imbottigliate in plastica spesso contengono sostanze tossiche rilasciate dalla plastica stessa per condizioni cattive di conservazione.Non dimentichiamo che le acque vengono poi trasportate per tutta Italia su camion che ovviamente inquinano, si perchè non è che l'acqua del sud viene bevuta al sud e quella del nord viene bevuta al nord...spesso tutto viene bevuto dappertutto, immaginatevi la quantità di camion in viaggio ogni giorno.

E ancora, non so se lo sapevate al ristorante si può pretendere di avere acqua del rubinetto nella brocca, gratuitamente, solo che spesso non vogliono darla. C'è una campagna fatta da altraeconomia che segnala i ristoranti che non protestano alla richiesta di acqua in brocca...probabilmente ce ne sono alcuni che sostengono l'iniziativa.Ricordo a Firenze mentre giravo con la Fra di aver visto cartelloni forse messi dal comune stesso che dicevano di bere acqua del rubinetto.Personalmente bevo acqua del rubinetto da tutta la vita...per ora sto bene!
Le informazioni sulla campagna le trovate qui:
http://www.imbrocchiamola.org/

Visto che sono andato fuori tema posto questo messaggio anche in un nuovo argomento, non ricordo se ce n'era uno in cui si parlava dell'acqua, ma visto che io personalmente ho letto belle cose su questo elemento, sulla sua memoria e sul fatto che ci da la prova di assorbire le nostre emozioni, o i principi attivi delle sostanze... magari poi approfondiamo.

Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  fox il Mar Apr 08, 2008 12:39 pm

Ste ha scritto:Ricordiamoci di ricordare che in tibet nasce gran parte dell'acqua dell'asia, si dice spesso che le guerre del futuro riguarderanno le risorse idriche.
Quindi oltre al fatto che il tibet è in posizione militare strategica
Quindi oltre a confinare con mille paesi, oltre ad avere l'oro (mi pare) , oltre ad avere caverne nascoste con artifatti di atlantide, ora c'hanno pure l'acqua di mezzo mondo?
Te credo che i cinesi ci tengono =_____=

Ste ha scritto:Giusto per far presente il fatto, pare che gli stati uniti stiano comprando la maggior parte delle aziende che ricavano e "producono" acqua in Italia.
Shocked Shocked Shocked

Ste ha scritto:Personalmente bevo acqua del rubinetto da tutta la vita...per ora sto bene!
pure io

certo che quando c'è da guadagnare e/o controllare, non je frega nulla se sia acqua o petrolio......

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  fox il Gio Apr 10, 2008 1:52 pm

Pechino ‘orchestrava’

Britain’s GCHQ, l’agenzia governativa delle comunicazioni che controlla elettronicamente mezzo mondo dallo spazio, ha confermato la rivendicazione del Dalai Lama che agenti dell’Esercito Popolare di Liberazione, l’EPL, travestiti da monaci, hanno innescato le rivolte che hanno lasciato dietro di sé centinaia di morti e feriti tibetani.

I satelliti del GCHQ, geo-posizionati nello spazio, erano incaricati di monitorare da vicino la situazione. Con 700 dipendenti, include i più grandi esperti elettronici e analisti del mondo. Tra di loro si parla più di 150 lingue. A loro disposizione ci sono 10.000 computers, molti dei quali sono stati appositamente costruiti per il loro lavoro.

qui c'è il resto dell'articolo
http://www.automiribelli.org/?p=175

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  Ste il Gio Giu 19, 2008 3:13 pm

Posto un estratto di questo articolo sull'argomento, è una cosa che mi è venuta da pensare più volte riguardo all'argomento Tibet
http://parvatim.wordpress.com/2008/03/17/violenza-in-tibet-perche/

"perche l’invasione, se non c’è ricchezza?

ecco una possibile spiegazione. il tibet è un luogo energetico fondamentale del pianeta. perche? nelle sacre cime hymalaiane c’è l’entrata di agharti ( potete magari non crederci, ma è così), e inoltre la religione che in questo luogo ha trovato il suo splendore parla di amore e pace incondizionata. questa vicenda ricorda quello che successe ai pellerossa americani portatori anche loro di un messaggio d’amore e di rispetto per la vita, che gli adoratori di sauron non possono che odiare e reprimere. da qui le persecuzioni che i due popoli ( tibet e pellerossa) sono tutt’ora costretti a subire, nel nome di quella neo-cultura consumistica e vuota che sta distruggendo le anime e le vite degli abitanti del pianeta. insomma chi è contro questo sistema di odio e prevaricazione, chi rappresenta agli occhi di tutti un simbolo sociale di rispetto, verità e vera vita ( non quella prigione sterile che ci fanno vivere) va annientato.un annientamento premeditato, quindi, per distruggere culture che sono dirette discendenti e ancora oggi portatrici di messaggi puri e giusti."
parvatim

Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  fox il Ven Giu 20, 2008 5:05 pm

Ste ha scritto:va annientato.un annientamento premeditato, quindi, per distruggere culture che sono dirette discendenti e ancora oggi portatrici di messaggi puri e giusti."
beh mi sembra un motivo più che valido, ancor più utile dell'oro Suspect

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  Ste il Ven Giu 20, 2008 5:08 pm

fox ha scritto:
Ste ha scritto:va annientato.un annientamento premeditato, quindi, per distruggere culture che sono dirette discendenti e ancora oggi portatrici di messaggi puri e giusti."
beh mi sembra un motivo più che valido, ancor più utile dell'oro Suspect

già...ma sappiamo che purtroppo troppo spesso è così..


Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  ester_tigro il Ven Giu 20, 2008 6:16 pm

dop aver rimandato diverse volte la lettura di questo topic finalmente ce l'ho fatta...e... Sad

uff...il mondo fa davvero schifo...
per ora non mi viene altro da dire, sono scontata ma vabbè....

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  pt il Sab Giu 21, 2008 1:14 pm

vorrei proporre, come ambasciatore che non porta pena, un estratto da una e-mail giuntami proprio da poco da un mio amico, in riferimento alla situazione cino-tibetana...

io non ne so nulla, riporto e basta, che quello che vediamo e sentiamo, ormai dovremmo saperlo, sono tutte storie di interessi economici... per sbagliare meglio non credere a nulla e nessuno in particolare che si lamenta delle sue condizioni di questo mondo materialista...
ma ciò detto, allora prenderei con le pinze anche quanto mi si dice a favore del tibet.

ecco l'estratto:

"A leggere qua e là un pò di storia sembra che nel 1950 i cinesi avrebbero potuto tranquillamente essere assimilati agli odierni americani esportatori di democrazia (visti con gli occhi dell'impero). Occuparono uno stato feudale, il Tibet, governato da monaci buddisti che vivevano di tasse elargite dai contadini e che sopprimevano le persone scomode (diremmo progressiste oggi?) secondo un antico rituale compassionevolmente" buddista, premere le tempie con due ossa di astragalo fino a far schizzare gli occhi fuori dalle orbite. Però non c'è un filmato su YouTube, peccato...Speriamo che la democrazia porti loro la banda larga. Monaci che sparavano a casaccio sulla popolazione, che distrussero templi... ... Lo stesso Dalai Lama (che porta scarpe Gucci, che ama così tanto gli orologi da indossare un Rolex, che parla male l'inglese, che dice spesso che si dimetterà..., vedo già segnali divini su chi sarà il prossimo Dalai Lama, tal Clemente..) ha avuto parole poco elogiative nei confronti di "quel" Tibet ed ha avuto il coraggio di ammettere che forse il prossimo Dalai Lama dovrebbe essere eletto dal popolo pensando forse a se stesso povero bambino costretto anzitempo ad ingozzarsi di metafisica buddista fino alla nausea. Eppoi, dove sono le donne nella società tibetana? Mai viste in mezzo ai monaci... Che ruolo hanno? Boh... "

pt

Numero di messaggi : 131
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  ester_tigro il Sab Giu 21, 2008 9:37 pm

mi sembra un invettiva contro i tibetani scritta per giustificare le azioni della Cina, della quale il tizio che ha scritto sarà sostenitore...poi il termine "esportatori di democrazia" mi irrita non poco....

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  Ste il Sab Giu 21, 2008 11:22 pm

Io credo che quello che scrive pt non sia del tutto da escludere, di certo come in tutti i popoli anche nel tibet c'è stato un periodo in cui la degenerazione è stata ad alti livelli, anch'io ho letto un articolo che parlava di cose orribili fatte dai monaci Tibetani.

Però per una volta posso parlare per esperienza personale, non so quasi niente di ciò che succede in tibet, e sappiamo che quello che arriva dai media è uno schifo.
Ma frequentando un centro di buddhismo tibetano posso dire con certezza di aver visto lì persone con una saggezza speciale, che con il solo modo di camminare trasmettono qualcosa che non avevo mai visto.

Come in tutti i mondi il potere avrà distorto alcune menti, ma vi assicuro che la conoscenza che portano alcuni di loro, almeno quelli conosciuti da me e sicuramente molti altri potrebbe essere molto di aiuto per molte persone, soprattutto nella nostra attuale mente occidentale confusa e sconvolta dal disordine esterno che alla fini si ripercuote fino nel profondo.
Si il tizio che scrive effettivamente è un po' estremista, ma questo scritto più che altro ci deve ricordare che non dobbiamo mai esagerare nell'idealizzazione di qualcosa, finchè qualcosa è composto da uomini ci saranno parti di bene e parti di male, noi dobbiamo da ogni cosa prendere quello che ci serve..

Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  pt il Dom Giu 22, 2008 1:55 am

posso solo aggiungere che questo mio amico è comunque una persona equilibrata e in cerca di analisi super partes, ha questo tono beffardo e caustico, perchè ha uno spirito totalmente disilluso.

pt

Numero di messaggi : 131
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  ester_tigro il Dom Giu 22, 2008 3:02 am

Ste ha scritto:Si il tizio che scrive effettivamente è un po' estremista, ma questo scritto più che altro ci deve ricordare che non dobbiamo mai esagerare nell'idealizzazione di qualcosa, finchè qualcosa è composto da uomini ci saranno parti di bene e parti di male, noi dobbiamo da ogni cosa prendere quello che ci serve..

vero...infatti non volevo dire che avesse torto marcio, forse sono stata un pò affrettata nella risposta, scusami pt se ho detto male del tuo amico, è stata la mia prima impressione, anche se cerca analisi super partes da quello che ha scritto pare che la parte in questo contesto l'abbia presa...stando ai toni che ha usato...

nemmeno io conosco a fondo la questione tibetana, ma qualunque sia la ragione che ha mosso i cinesi verso l'occupazione e la repressione non li giustifica, sono convinta che la "democrazia" non si possa esportare, tantomeno con la forza...

ora vado a nanna che è tardi Sleep spero di non aver scritto fesserie...

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  pt il Dom Giu 22, 2008 10:46 am

ester_tigro ha scritto:
vero...infatti non volevo dire che avesse torto marcio, forse sono stata un pò affrettata nella risposta, scusami pt se ho detto male del tuo amico, è stata la mia prima impressione, anche se cerca analisi super partes da quello che ha scritto pare che la parte in questo contesto l'abbia presa...stando ai toni che ha usato...

essere super partes spesso significa dover parteggiare per compensare un'altra presa di posizione scorretta...
l'equilibrio necessita di correzioni continue, da una parte e dall'altra.
non si può giudicare una persona solo da una presa di posizione, ma da tutte le prese di posizione.
sempre parlando del mio amico, quando è necessario incalza anche i cinesi.

ester_tigro ha scritto:
[color=darkblue]nemmeno io conosco a fondo la questione tibetana, ma qualunque sia la ragione che ha mosso i cinesi verso l'occupazione e la repressione non li giustifica, sono convinta che la "democrazia" non si possa esportare, tantomeno con la forza...

ne sono convinto anch'io, purtroppo la prevaricazione è un po' l'origine del male nel mondo...

pt

Numero di messaggi : 131
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  ester_tigro il Dom Giu 22, 2008 12:31 pm

pt ha scritto:non si può giudicare una persona solo da una presa di posizione, ma da tutte le prese di posizione.
sempre parlando del mio amico, quando è necessario incalza anche i cinesi.

non era mia intenzione giudicare nessuno, ero riferita soltanto all'estratto da te pubblicato...

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  pt il Dom Giu 22, 2008 1:13 pm

e io non sto difendendo il mio amico perchè tale.
come lui tendo solo a compensare quelli che ritengo sbilanciamenti dell'equilibrio.

pt

Numero di messaggi : 131
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  Ste il Dom Giu 22, 2008 3:42 pm

pt ha scritto:e io non sto difendendo il mio amico perchè tale.
come lui tendo solo a compensare quelli che ritengo sbilanciamenti dell'equilibrio.

questa cosa non mi dispiace, in alcuni casi potrebbe essere un po' pericolosa, ma il concetto detto così non è mica male. Capisco bene quello che intendi...

Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  ester_tigro il Dom Giu 22, 2008 4:16 pm

boh...io non ho capito...

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  ester_tigro il Mer Giu 25, 2008 3:18 pm

perchè continuano a dire che alle olimpiadi di pechino succederà qualcosa e che la cina si è preparata predisponendo attorno allo stadio olimpico una miriade di armi di ogni tipo?!

cioè, non potrebbero prendere le loro precauzioni e stare zitti in modo da non creare questo clima di terrore?

non sanno che a forze di dirle le cose poi si avverano?

pensavo le stesse cose quando c'è stato il G8 a Genova....e poi sappiamo tutti com'è andata....

spero di sbagliarmi

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  Ste il Mer Giu 25, 2008 3:30 pm

ester_tigro ha scritto:
non sanno che a forze di dirle le cose poi si avverano?

certo che lo sanno, è per quello che continuano a ripeterle, il clima di terrore ormai è un must.

Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  ester_tigro il Mer Giu 25, 2008 3:58 pm

Crying or Very sad

idioti!

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  fox il Gio Giu 26, 2008 4:11 pm

ester_tigro ha scritto:Crying or Very sad
idioti!
se il mondo non ti sta bene, cambia te stesso! così vedi che fine fa il loro clima del terrore.....

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tibet

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 6:56 pm


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum