mattoncino

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

mattoncino

Messaggio  fox il Lun Dic 24, 2007 4:22 pm

Volevo condividere un'idea che ho letto su di un libro..
Partendo dall'idea che tutto è in movimento (tipo il Tao) e muta continuamente, il nostro modo di vedere una "cosa" in quel dato momento non è null'altro che l'istantanea (come una foto, che per noi dura 1sec o 10anni) di "materia" aggregata.
Un po' come se il Tao fosse la pellicola di un film, e noi ci fermassino a guardarne solo un fotogramma pensando che sia tutto il film.
Trovo che questo sia un altro modo per dire che le cose, in verità, non esistono da sole finchè non le inventiamo noi.

Fare un esempio è semplice, l'altro dì guardavo fuori dalla finestra e vedevo la terra della aiuola e i mattoncini che formano il cortile e pensavo
"l'aiuola è fatta di terra, ok, ma invece scusa i mattoncini da dove spuntano fuori??? li crea un forno???"
"In verità i mattoncini sono stati creati da altra terra, che una volta invece che stare nel mio cortile stava attaccata a una montagna forse, e che se aspetto qualche centinaio di anni questi mattoncini torneranno ad essere terra"
E così ho immaginato che il mattoncino, in realtà, è solo una transizione di un tot di materia.

Espandendo con fantasia questo discorso, si può arrivare alla frase "tutto è uno", visto che il mattoncino era montagna, poi mattoncino, poi terra, e poi chissà cos'altro. Ciò che cambia è il lasso di tempo, ma la materia è sempre quella. Se leviamo dalle scatole il tempo, che pare non esista pure lui, rimane che il mattoncino è terra e montagna e chissà cos'altro, e che la montagna è nel mattoncino come il mattoncino è la montagna.


fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: mattoncino

Messaggio  Ste il Ven Dic 28, 2007 8:15 pm

fox ha scritto:
Un po' come se il Tao fosse la pellicola di un film, e noi ci fermassino a guardarne solo un fotogramma pensando che sia tutto il film.

Ma il fatto principale è, c'è differenza tra noi e il film?
Fermandoci un momento a guardare i nostri pensieri camminando su un sentiero di montagna, guardando scorrere il panorama, e lasciando scorrere tutto...
C'è veramente qualcuno qui?
Ieri camminavo e percepivo come oltre ai pensieri che si generano dentro di noi in realtà non ci sia nient'altro, i pensieri si generano in base alle memorie e agli stimoli esterni, ma non c'è nient'altro...il mio io è solo una serie di pensieri che si susseguono, ma non esiste un pensatore come in realtà sembrerebbe.Noi siamo la nostra cultura, la nostra conoscenza, se crolla la nostra conoscenza non ci siamo più, o meglio non c'è più quello che pensavamo di essere...
Ma tornando al mattoncino e al film, il film passa in ogni momento dentro questo corpoil film scorre e stimola pensieri che in verità come dici tu non sono altro che istantanee, sono cose morte direbbe UG .
Non c'è un pensiero vivo, che sia in grado di rappresentare la realtà...perchè la realtà viva, mentre la mente è in grado di tirare fuori solo cose morte, di confrontare una foto istantanea con una vecchia cosa morta e creare un'interpretazione.
Il corpo è molto più saggio, il corpo è vivo, con i nostri pensieri incastrati e schematici, pieni di confronti e paure facciamo ammalare il corpo e soffriamo.

Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum