la fiaba della vita

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

la fiaba della vita

Messaggio  charo il Dom Lug 13, 2008 1:23 pm

questa è la continuazione del post che ho appena fatto nella discussione su "la creazione"
ho pensato che magari a qualcuno interessa provare a raccontare una fiaba, che , come dicevo nell'altro post, è un modo sorprendente e meraviglioso di scoprire aspetti della propria vita- e sopratutto del modo in cui vediamo la vita e può aiutare a sgrovigliasri in un momento di crisi o di stasi, o può servire a fare il punto della situazione, oppure solo per il piacere di sentire una fiaba a nostra misura.
c'è anche chi cura con le fiabe, facendo inventare una fiaba e aiutando l'altro con domande a uscire dai blocchi che si creano quando si inventa ( che poi puta caso sono proprio simili ai blocchi che uno trova nella vita...)
se qualcuno vuole provare è una cosa che può venire bene su un forum.
facciamo così: chi vuole sceglie una situazione iniziale, uno o più protagonisti e comincia fargli fare qualcosa. poi gli altri possono o continuare la storia , oppure fare domande per sapere come va avanti la storia.
se poi uno non è soddisfatto della piega che ha preso la storia può avdare avanti a scrivere una versioen parallela della fiaba, tenendo l'inizio fin dove lo convinceva e modificando il seguito, che ve ne pare?

(mi spiace proporre adesso questo perchè sto per partire quattro giorni, però appena torno vengo a vedere se qualcuno ha voglia di ficcarsi in questa impresa)

charo

Numero di messaggi : 61
Età : 35
Localizzazione : più qui che là
Data d'iscrizione : 30.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  Ste il Dom Lug 13, 2008 4:34 pm

charo ha scritto:
c'è anche chi cura con le fiabe, facendo inventare una fiaba e aiutando l'altro con domande a uscire dai blocchi che si creano quando si inventa ( che poi puta caso sono proprio simili ai blocchi che uno trova nella vita...)

Si si, mi pare si chiami tipo "costellazioni", cioè si recita ognuno la parte di un personaggio e così vengono fuori dei blocchi che a volte gli altri o il counselor possono aiutare a risolvere, sembra funzioni. Mai provato, troppo sociale per me. Very Happy

charo ha scritto:
(mi spiace proporre adesso questo perchè sto per partire quattro giorni, però appena torno vengo a vedere se qualcuno ha voglia di ficcarsi in questa impresa)


Non ti preoccupare c'è tempo, tanto non scriveremo in 10000 in 4 giorni!
A me l'idea della storia scritta in sieme piace davvero tanto! chi comincia?


Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  Nessuno il Lun Lug 14, 2008 10:48 am

L'ho già provata una volta!..era su un tema un po' fantasy..ma piace proprio l'idea!

Nessuno

Numero di messaggi : 159
Età : 32
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 28.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.abeir-toril.medusaworks2.de

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  charo il Mer Lug 16, 2008 11:49 pm

no, le costellazioni sono un'altra cosa "molto sociale", riguarda le relazioni all'interno della famiglia e non si inventano fiabe ( parlo delle costellazioni famigliari) ed è una cosa un po' magica di cui non parlerei qua, anche perchè non ne so per diretta esperienza
quello che proponevo io era più facile, tipo che uno inizia una fiaba con un semplice c'era una volta e poi gli altri o la continuano o ppure gli afnno delle domande per farlo andare avanti
. bastano anche solo due righe ma non volevo iniziare io perchè io ve l'ho già scritta una fiaba qua!

charo

Numero di messaggi : 61
Età : 35
Localizzazione : più qui che là
Data d'iscrizione : 30.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  Nessuno il Gio Lug 17, 2008 3:35 pm

Comincio io allora...

C'era una volta, in un paese lontano, ma talmente lontano che molti lo indicavano dove il luogo dove il cielo e la terra si incontravano un vastissimo bosco, verde e lussireggiante...

Nessuno

Numero di messaggi : 159
Età : 32
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 28.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.abeir-toril.medusaworks2.de

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  fox il Gio Lug 17, 2008 8:31 pm

C'era una volta, in un paese lontano, ma talmente lontano che molti lo indicavano dove il luogo dove il cielo e la terra si incontravano un vastissimo bosco, verde e lussireggiante...
All'interno del bosco si trovava una bellissima cascata, la cui scrosciante acqua creava un bellissimo arcobaleno che si rifletteva sulle acque del fiume sottostante. Il fiume passava zigzagando all'iterno del bosco, e le sue rive erano ricche di piccoli animaletti che camminavano tra i fini ciotoli levigati da migliaia di anni di acqua.
Su una di queste rive, sotto le folte fronde di un verde albero, si riparava dal caldo sole pomeridiano una ragazza dalle lunghe orecchie a punta.
La ragazza si stava sedendo ai piedi dell'albero tenendo tra le mani la sua lunga gonna color fragola, che tanto si trovava bene con la bianca maglietta che era solita indossare.
La ragazza si sedette e intonò una canzone, al chè gli animaletti di fiume che passavano di là in quel momento voltarono tutti la testolina, incuriositi da quelle nuove vibrazioni che stavano passando nell'aria.

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  fox il Gio Lug 17, 2008 8:33 pm

tengo a precisare che charo è riuscita a stimolarmi a farmi scrivere sei righe
contando che ho sempre odiato l'italiano, la letteratura, i temi, i prof, etc, e che non mi ritengo affatto creativo, direi che ha già compiuto un mezzo miracolo.
interessante sta cosa delle fiabe-terapeutiche silent non ci avevo mai pensato...

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  Ste il Ven Lug 18, 2008 1:20 pm

fox ha scritto:
C'era una volta, in un paese lontano, ma talmente lontano che molti lo indicavano dove il luogo dove il cielo e la terra si incontravano un vastissimo bosco, verde e lussireggiante...
All'interno del bosco si trovava una bellissima cascata, la cui scrosciante acqua creava un bellissimo arcobaleno che si rifletteva sulle acque del fiume sottostante. Il fiume passava zigzagando all'iterno del bosco, e le sue rive erano ricche di piccoli animaletti che camminavano tra i fini ciotoli levigati da migliaia di anni di acqua.
Su una di queste rive, sotto le folte fronde di un verde albero, si riparava dal caldo sole pomeridiano una ragazza dalle lunghe orecchie a punta.
La ragazza si stava sedendo ai piedi dell'albero tenendo tra le mani la sua lunga gonna color fragola, che tanto si trovava bene con la bianca maglietta che era solita indossare.
La ragazza si sedette e intonò una canzone, al chè gli animaletti di fiume che passavano di là in quel momento voltarono tutti la testolina, incuriositi da quelle nuove vibrazioni che stavano passando nell'aria.

che bello, assomiglia tantissimo al posto che immagino quando voglio rilassare la mente, anchio volevo cominciare con una cosa molto simile, allora provo solo a continuare qualche riga:


Il canto si espandeva nell'aria e avvolgeva ogni cosa incontrasse rendendolo luminoso e riequilibrando ogni filo d'erba, ogni foglia, portando pace nel cuore di ogni animaletto, piccolo e grande, tanto che tutti iniziarono a fare un cerchio intorno alla ragazza e girare intorno a lei creando disegni in continua trasformazione, i colori delle loro pellicce, squame, corazze e spine creavano una varietà in totale sintonia con l'arcobaleno. Un arcobaleno circolare tutto intorno a lei, un arcobaleno vivo che cambiava ritmicamente, fluidamente, continuamente. Ogni cosa era sintonizzata con il suono del canto... quel canto, come un unico pensiero...
La vibrazione si adagiava sull'acqua, sul vento, era nella terra, e nei raggi del sole...

Non molto lontano,seguendo il ruscello, scendendo lungo il pendio lungo il quale si estendeva il bosco c'era una casa, non era nè grande nè piccola era tutta coperta di vegetazione perchè era li da molto tempo,un albero cresceva così vicino al muro che le radici e i rami erano entrati tra i sassi che formavano il muro. La casa sorgeva su una piccola radura pianeggiante e appena oltre il pendio tornava a scendere formando una piccola valle in parte coperta di prati e in parte di alberi, da li si poteva vedere una foresta grandissima arrivare fino all'orizzonte. Da li si poteva vedere il cielo che si univa con la terra attraverso le fronde degli alberi.

Il ruscello passava proprio affianco alla casa e una grossa ruota da mulino pendeva leggermente storta appoggiata tra il muro e la sponda.
Il suono del canto attraverso l'acqua arrivava fin lì...

Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  ester_tigro il Ven Lug 18, 2008 4:07 pm

è bellissima questa idea della fiaba collettiva Smile
io non sono molto brava a raccontare storie, provo a dare il mio contributo però...tanto se poi non piace si cambia, no?

Nella casa in riva al fiume e immersa nella vegetazione abitava un vecchio, stava lì da molto tempo...così tanto tempo che lui stesso non ricordava di aver vissuto in un posto diverso da quello. Viveva da solo, lontanissimo dal villaggio più vicino, nessun uomo era mai andato a fargli visita, perché nessuno immaginava che in quel bosco, accanto al fiume che scendeva serpeggiando, potesse esserci una casa abitata...e se qualcuno era mai passato da quelle parti, anche nelle vicinanze della casa, non si era accorto della sua esistenza...questa era infatti in totale armonia con la natura: i rami e le radici degli alberi si intrecciavano con i sassi che formavano le pareti, nel pavimento cresceva l'erba e tutti gli spazi all'interno erano stati forgiati dalla natura stessa, gli animali del bosco potevano entrare, dormire, mangiare e riuscire quando volevano. Il vecchio non rivendicava la proprietà di quella casa, era parte del bosco.
La verità è che nessuno poteva vedere quella casa se non aveva intenzione di cercarla...per questo ancora nessuno ci aveva messo piede, a parte il vecchio.

Quel giorno, mentre faceva il bagno come tutte le mattine nel fiume, sentì sollevarsi dalla fresca acqua quel canto...e fu stupito e felice allo stesso tempo, era come se da sempre avesse aspettato di sentire quel suono, ma in cuor suo temesse che non sarebbe mai arrivato.

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  fox il Ven Lug 18, 2008 11:19 pm

I pesci passavano veloci attorno ai suoi piedi creando delle piacevoli correnti d'acqua che lo solleticavano; anche loro, erano in completo ascolto di quella dolce melodia che si trasmettava nell'acqua e anche loro, danzavano propagando quella stessa melodia.
Il vecchio si guardò attorno, e vide che ogni foglia e persino le nuvole nel cielo stavano danzando al suono di quel canto.
In cuor suo desiderò seguire quel suono fino alla sua origine, ma il suono era ovunque, allo stesso modo e allo stesso tempo, che non seppe proprio dove andare per cercarlo; il suono era già lì, non serviva cercarlo altrove.

e complimenti a ste e ester per la continuazione

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  charo il Mar Lug 22, 2008 12:16 pm

adesso, come in tutte le fiabe, succederà qualcosa che romperà quest'armonia...
ci vuole coraggio per distruggere quest'atmosfera incantata, ma bisogna trovarlo per poter procedere nel cammino e crescere.
come il bambino nella pancia della mamma che fosse per lui forse starebbe anche lì, ma è necessario passare attraverso a quel canale stretto...

chi se la sente?
se non ce la fanno gli inventori della fiaba, qualcuno osi...

charo

Numero di messaggi : 61
Età : 35
Localizzazione : più qui che là
Data d'iscrizione : 30.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  Ste il Mar Lug 22, 2008 1:47 pm

eh ma potevi anche farlo tu eh!
Smile

Ste

Numero di messaggi : 459
Età : 37
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  fox il Mar Lug 22, 2008 5:27 pm

eh mo vediamo a chi tocca... scratch
magari possiamo andare avanti così ancora un pochino Razz

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  Nessuno il Mar Lug 22, 2008 11:29 pm

lo faccio io! oggi ho tanta di quella rabbia in corpo...no, son così arrabbiato che neanche riesco a scrivere Evil or Very Mad

Nessuno

Numero di messaggi : 159
Età : 32
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 28.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.abeir-toril.medusaworks2.de

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  ester_tigro il Mer Lug 23, 2008 12:10 am

Il suono era lì, il vecchio uscì dall'acqua e chiuse gli occhi per sentirlo meglio...prese a camminare, lentamente, facendosi assorbire totalmente da quella melodia...arrivò nella casa e quando aprì gli occhi il suo cuore ebbe un balzo...

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  charo il Mer Lug 23, 2008 1:48 pm

piantata in mezzo alla stanza c'era una vecchia bavosa e maleodorante che sbraitò con voce stridula:
"la tua pace è finita, vecchio!è inutile che chuidi gli occhi e vieni a rintanarti nella tua spelonca, non potrai più dormire nè mangiare finchè non troverai la proprietaria di questa voce, questo è l'amore, vecchio santo,adesso vediamo come te la cavi!"


Ultima modifica di charo il Mer Lug 23, 2008 1:49 pm, modificato 1 volta

charo

Numero di messaggi : 61
Età : 35
Localizzazione : più qui che là
Data d'iscrizione : 30.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  ester_tigro il Mer Lug 23, 2008 4:46 pm

charo ha scritto:piantata in mezzo alla stanza c'era una vecchia bavosa e maleodorante che sbraitò con voce stridula:
"la tua pace è finita, vecchio!è inutile che chuidi gli occhi e vieni a rintanarti nella tua spelonca, non potrai più dormire nè mangiare finchè non troverai la proprietaria di questa voce, questo è l'amore, vecchio santo,adesso vediamo come te la cavi!"

La vecchia bavosa scomparve e il vecchio saggio tremò...era proprio questo che aspettava, infondo aveva trovato l'equilibrio stando da solo per tutti quegli anni, ma ora doveva fare i conti con il mondo e mettere alla prova la sua serenità, l'amore era arrivato e gli aveva tolto sonno e appetito, doveva andare all'origine di quel meraviglioso suono, altrimenti non avrebbe più trovato pace.
Lasciò il suo rifugio e partì senza niente appresso, perchè di nulla aveva bisogno, se non di mettere fine al suo tormento...

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  jane doe 19 il Gio Lug 24, 2008 1:21 pm

La vecchia bavosa scomparve e il vecchio saggio tremò...era proprio questo che aspettava, infondo aveva trovato l'equilibrio stando da solo per tutti quegli anni, ma ora doveva fare i conti con il mondo e mettere alla prova la sua serenità, l'amore era arrivato e gli aveva tolto sonno e appetito, doveva andare all'origine di quel meraviglioso suono, altrimenti non avrebbe più trovato pace.
Lasciò il suo rifugio e partì senza niente appresso, perchè di nulla aveva bisogno, se non di mettere fine al suo tormento...

Corse sotto la pioggia e sotto il sole, non badando ai rovi che gli laceravano la pelle, ai sassi che lo facevano inciampare, corse e continuò a correre finchè il respiro gli venne meno...
Si fermò dunque per riposare pochi attimi e solo allora si accorse che il canto che stava inseguendo si era affievolito come se si fosse allontanato, scappando da lui che tanto lo inseguiva.
E il vecchio si disperò, tutti erano contro di lui: gli alberi gli limitavano la vista, il sole lo bruciava e anche il suo Io lo sfidava:era schiavo della solitudine e del suo nulla.

Rimase fermo a piangere per giorni interi con la paura che il canto si allontanasse ancora...e si mise a riflettere:
era partito spoglio pensando di non aver bisogno di nulla, aveva dimenticato gli insegnamenti di una vita intera ed era partito senza cibo, senza senno alla ricerca di un suono effimero. Che stupido era stato...
Abbassò la testa, stringendola tra le mani per la disperazione e qualcosa attirò il suo sguardo: un piccolo sasso bianco luminescente lo abbagliava con i suoi mille riflessi, lo prese e se lo legò tra i capelli come un pedolo.... e subito si alzò e riprese a camminare: aveva ritrovato la sua forza interiore.
Un altro sasso allora lo attirò...un bel sasso blu, di un blu profondo come l'oceano e di nuovo lo prese e se lo legò tra i capelli ritrovando l'umiltà del suo piccolo Io alla ricerca di una cosa tanto vasta come l'amore.

jane doe 19

Numero di messaggi : 4
Età : 32
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.06.08

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  charo il Ven Lug 25, 2008 3:14 pm

Si sforzava di percepire quel flebile suono che la foresta sembrava volergli nascondere, per la prima volta sentì un sentimento ostile verso quel bosco che era ormai parte di lui, cercava con lo sguardo una sagoma leggera e seducente ma i suoi occhi inciampavano nei riflessi di una ragnatela, nel frusciare cangiante di una foglia al sole o nel frullare fugace di un pettirosso, il grande spettacolo della natura era per lui solo un disturbo che lo distoglieva dalla sua ricerca, per questo decise di chiudere gli occhi.
Procedeva a occhi chiusi, quel suono - o forse ormai il ricordo di quel suono, era così vivido che a volte si girava di scatto o allungava la mano per accarezzare quel corpo levigato e tiepido che sentiva fremente accanto a lui, ma stringeva solo rami e foglie; le carezze, il respiro che sentiva sulla pelle, dita delicate, capelli morbidi tutto ciò era solo il delirio dei suoi sensi protesi allo spasimo. E decise di non fidarsi più del suo tatto.
Le sue narici frugavano l'aria per scovare il profumo di quella creatura, il suono di quella voce era così avvolgente e morbido che gli sembrava di poter annusare la fragranza che sprigionava dal corpo che la produceva, ma la foresta ingannava il suo olfatto con resina fresca, muschi e terra umida, decise di non fidarsi neanche più del suo naso.
Vagava come chi, perso nel deserto, sente la spossatezza e la sete che gli rubano la vita e proprio la sensazione di stare perdendo ogni forza gli dà la forza di procedere oltre le sue possibilità.
Allora veniva preso dalla smania di raggiungerla al più presto, per la prima volta temette la morte, aveva paura che sarebbe morto se non l'avesse trovata e l'idea di non poterla stringere tra le braccia prima di morire gli rodeva l'anima. A volte invece invocava la morte, che lo strappasse dal suo tormento. Ma l'eco di quel suono gli faceva ribollire il sangue nelle vene e veniva preso dall'euforia, benediceva il mondo per quell'emozione nuova e potente che provava, per la bellezza di quella creatura e per la fortuna che aveva avuto di sentire la sua voce. Correva come un pazzo pungolato e trascinato negli abissi dell'euforia e della disperazione al tempo stesso, l'amava e l'odiava per quello che gli faceva patire, la sua anima era lacerata. Correva per sfuggire o buttarsi a capofitto in quel vortice e allora i sassi che aveva legato ai capelli gli sbattevano sulla faccia e gli restituivano un po' di lucidità, ritrovava la sua umiltà e riconosceva che era giusto che lui provasse tutto questo, dopo aver vissuto una vita come un saggio, credeva di aver trovato l'equilibrio perfetto ma forse era stato possibile solo grazie al suo isolamento, credeva di essere felice ma forse si poteva esserlo di più, credeva di essere soddisfatto ma forse non aveva ancora fatto tutto.

charo

Numero di messaggi : 61
Età : 35
Localizzazione : più qui che là
Data d'iscrizione : 30.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  ester_tigro il Sab Lug 26, 2008 9:46 pm

Sentiva che correva ma non stava andando da nessuna parte.
Si fermò.
Si sedette ai piedi di un albero.

Aveva perso quasi tutte le sue forze, era pieno di graffi e di lividi, la natura con cui era sempre stato in armonia improvvisamente gli si era rivoltata contro, i sassi gli si erano messi tra le gambe per farlo inciampare, i rami gli avevano segnato il viso, il vento gli soffiava contro..."e tutto questo perchè?" gli venne da chiedersi...
Chiuse gli occhi e cercò di nuovo la pace che aveva sempre trovato dentro di sè, quella non poteva averla persa, era sempre stata lì.
Ad un tratto il canto riprese, la foresta si acquietò, pian piano recuperava le forze...aprì gli occhi e lì davanti stava una fanciulla...

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  fox il Lun Lug 28, 2008 12:19 pm


...il riflesso del sole dietro la fanciulla la faceva sembrare un angelo, un bianco, luminoso angelo.
Il vecchio si domandò se questa luce, e questa pace ritrovata, fossero la prova che la morte gli aveva teso la mano strappandolo al tormento dei giorni precedenti.
La fanciulla tese la sua candida mano e muovendo leggermente le labbra disse:

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  charo il Lun Lug 28, 2008 3:45 pm

"prendimi"
il vecchio allungò una mano verso di lei.
Ma restò immobile a metà. qualcosa gli impediva di procedere...c'era come una lastra di cristallo che separava i loro corpi.
Lei lo guardava con un lieve sorriso, immobile.
Il vecchio provò e riprovò ad avvicinarsi a lei ma il suo gesto si fermava a pochi centimetri da lei.
Lei scosse il capo sconsolata, o forse delusa.
Il vecchio non capiva.
"Vedo che non riesci a toccarmi.
Per rompere l'incantesimo dovrai uccidere colui che è la causa di tutto ciò."

charo

Numero di messaggi : 61
Età : 35
Localizzazione : più qui che là
Data d'iscrizione : 30.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  ester_tigro il Ven Ago 01, 2008 1:53 am

Il vecchio non sapeva nemmeno cosa volesse dire uccidere qualcuno, iniziò a chiedersi se dietro a quello splendido canto e a quella magnifica ragazza si celasse qualche forza maligna che voleva metterlo alla prova e farlo uscire di senno...

Ripensò alla vecchia bavosa che aveva visto dentro la casa nella foresta, e al modo in cui era scomparsa, "chi era? cosa voleva da me?"

C'era qualcosa che non quadrava, non si ricordava più il motivo per cui aveva corso tanto e si era allontanato dalla pace di tutta una vita...e poi chi era questo qualcuno che doveva eliminare, chi era che gli impediva di toccare la fanciulla?

ester_tigro

Numero di messaggi : 340
Età : 33
Localizzazione : Macomer-Sassari
Data d'iscrizione : 29.10.07

Vedere il profilo dell'utente http://www.myspace.com/ester_tigro

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  fox il Ven Ago 01, 2008 10:03 pm

Le domande si susseguivano nelle mente del vecchio, una dopo l'altra, senza tregua, non gli lasciavano scampo.
Come rialzò lo sguardo, la fanciulla non c'era più...
Del canto non sentiva più traccia, il vento aveva smesso di alitare e la natura tutta sembrava essere immobile davanti ai suoi stanchi occhi.
Anche la sua mente davanti a quello spettacolo irreale cessò di agitarsi, solo la frase della ragazza continuava a risuonargli nella testa; ma chi è che devo uccidere, chi è la causa di tutto ciò, accidenti!
"La vecchia bavosa?", pensò, "no no, forse la fanciulla? no no, non so nemmeno se esistano, queste due! Ma allora chi?? Chi è!"
Si guardò attorno, tutto era immobile, nulla si muoveva a parte il suo respiro, quello era l'unico suono che poteva udire... "ma qui ci sono solo io, non sarò io la causa di tutto ciò??"

fox

Numero di messaggi : 477
Età : 38
Localizzazione : Milano
Data d'iscrizione : 27.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  charo il Dom Ago 03, 2008 3:16 pm

"... se sono io la causa di tutto ciò, doveri forse uccidermi per poter raggiungere ciò che più ho desiderato in vita mia?
no...la verità è che io sto diventando pazzo, la mia mente vacilla, cosa mi succede? come ho potuto arrivare a questo punto?
dovrei tornare alla mia casa e continuare a vivere serenamente gli anni che mi saranno ancora concessi.
...ma all'improvviso tutto mi sembra vuoto, sono arrivato persino a odiare la mia foresta, ho umiliato i miei sensi e il mio corpo per correre dietro a un'illusione, ho disprezzato la mia stessa vita, ho maledetto...
non sono più io.
non mi riconosco più, chi mi dice che non possa riaccadermi? non mi fido più di me...sarei davvero stato disposto ad ammazzare qualcuno pur di poter toccare quella creatura...
forse davvero merito di morire...non potrei vivere con la paura e la vergogna."
Così il vecchio si sfilò la corda che teneva legata in vita, modellò un cappio e lanciò l'altra estremità oltre un robusto ramo.

charo

Numero di messaggi : 61
Età : 35
Localizzazione : più qui che là
Data d'iscrizione : 30.10.07

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: la fiaba della vita

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 1:25 pm


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum